bebè1-1.png
bèbè1.png

BEBE'

questo è il "nome" che, attualmente in Medicina e Psicologia Perinatale viene usato per riferirsi, in modo generale, al bambino dalla nascita fino ai tre anni.

Già durante questo periodo

è in grado di sollecitare

il desiderio,

il piacere,

le fantasie,

le preoccupazioni,

le aspettative

dei suoi Genitori che cominciano a sentire in modo sempre più esplicito la sua presenza.

Non per nulla questo è il periodo della “attesa”, “lo stato interessante”.

In aiuto ai genitori abbiamo pensato

ad un percorso di preparazione alla nascita:

alla gestazione ed alla nascita della genitorialità

che si accompagna alla gestazione ed alla nascita dei bebè.

Il percorso è destinato ad entrambi i genitori ed avrà

un  “Atto primo” durante  la gravidanza

ed un  “Atto secondo” dopo il parto

Prima di nascere,

fino ai tre mesi di gestazione

il suo "nome" è        embrione 

e successivamente,

fino alla nascita       feto

Ecografia-transvaginale-a-9-settimane.jpg
ecografia-feto.jpg
Atto primo.png
amaca2.jpg

                         

                          PREPARIAMO LA NASCITA

Nel gruppo potranno avere posto tutti quei pensieri che si accendono a proposito della genitorialità e che ancora rimangono sospesi nella “attesa”. Genitorialità come attitudine di mamma e papà a creare uno spazio, a fare un posto in mezzo a loro per il bebè.

E’ una sensibilità emozionata, un intenzione che crea l’ambiente affettivo in cui il bebè si possa sentire accudito, accolto, compreso, aspettato, sostenuto.

Il filo conduttore del percorso è costituito da una pratica (Pratica dell’Eutonia). Sarà di aiuto nel riattivare le competenze a comunicare senza il linguaggio.

 

Lo chiamiamo dialogo tonico: quel modo di intendersi che non passa attraverso il linguaggio verbale e la conoscenza visiva ma attraverso il contatto, i gesti, le posture, i movimenti.

Durante la gravidanza  e nei primi mesi di vita sarà questa la forma elettiva per comunicare con il bambino.

Atto secondo.png

           Bisogna cominciare a capire....come vivere e far vivere

                     in un atmosfera piacevole, distesa, tranquilla.

 

                                              ...Il sonno, il cibo...

                                          ...Lo tengo in braccio?...

                                                     ...E i vizi!?...

 

                                                      Ci vede?...

                                 ...Mi sembra un po’ addormentato...

                                       ...Non riesco a tranquillizzarlo...

 

                              ...Come faccio a capirlo, come gli parlo?...

                                                    ...Mi vede?...

                                       ...Quando comincerà a sorridermi...

 

                          ...Non sta ancora seduto, quando è il momento giusto...

 

                                       ...Mi sembra sempre imbronciato...

                                                  ...Un po’ triste...

                                            ...Zuccone da far paura...

                                               ...Ce l’ha con me?...

                                     Tantissime le domande e le perplessità

                                                                                             

                                                    " i  Bebè ”

 

     Nel gruppo saranno presenti i bambini ed i loro genitori (uno o entrambi a seconda delle disponibilità).

 

                                                                                 Avrà questi obiettivi:

Seguire la crescita, passo a passo, insieme ai genitori.

Nel gruppo, proprio per il modo con cui viene seguito, si manifestano tutte le caratteristiche del bambino, dei genitori e del loro rapporto.

Sarà possibile, non solo dar consigli, ma cercare insieme quel modo di fare che aiuta ad uscire da quella situazione critica.

Valutare la correttezza dello sviluppo psicomotorio.

Individuare precocemente tutti gli scostamenti significativi da una successione di sviluppo tipico per portarvi velocemente rimedio.

Faremo particolare attenzione a tutte quelle situazioni che, per motivi diversi, possono condurre ad una grave difficoltà di comunicazione e di relazione.

Nel caso proporremo dei percorsi individuali adatti ad ogni singolo bebè ed ai suoi genitori per realizzare, il più precocemente possibile, una trasformazione positiva.

Il percorso di Pratica Psicomotoria precoce, progettato per ogni singola situazione, offre lo strumento migliore per risolvere o quantomeno ridurre molto significativamente l’incidenza sfavorevole che questi eventi possono causare nel futuro sviluppo del bambino.

Nell’intraprendere questo delicato lavoro ci sentiamo sostenuti da un gruppo  di studio Internazionale di cui facciamo parte.

Avremo la possibilità di scambiare le nostre esperienze con quelle di altri professionisti, di essere costantemente informati delle più re-centi ricerche che riguardano la cura dei Bebè, di confrontare i nostri metodi di aiuto  la loro validità per trarne conferme o spunti di cambiamento.

Torna